Arte e scienza

Quanto appaiono distanti arte e scienza nell’era moderna?

Tutta la cultura viene impiegata in ambito matematico/scientifico, nella ricerca e nell’innovazione, mentre all’arte rimane “l’ingrato” compito di consolare le esili anime dei mortali.

L’arte, che nella modernità viene spesso relegata a passatempo, ha il compito fondamentale di creare delle possibilità, le stesse che offre altresì la scienza.
Arte e scienza sono materie sorelle e nel Rinascimento venivano percepite esattamente come tali: tanto avanzava lo studio della scienza, tanto progrediva quello dell’arte. Ne porta esempio l’anatomia del corpo, minuziosamente disegnata dagli artisti per poi essere fruita dai medici. Anche nella chimica la scienza dei materiali era al servizio dell’artista attraverso l’utilizzo dei colori. Nella storia dell’arte e della medicina sono anche presenti incomprensioni bizzarre, come le prime rappresentazioni grottesche dei coccodrilli, il cui errore ingenuo, consci oggi della corretta anatomia dell’animale, non può che farci sorridere.

L’uomo antico riusciva a collegare le materie, coglieva i legami tra gli accadimenti e creava partendo dall’osservazione. È sbagliato scindere le due materie, relegandole a poli opposti, in cui la mente matematica viene confinata al calcolo perfetto e quella creativa-artistica a un estro stravagante.

Materie scientifiche quali la matematica, la geometria e la fisica hanno dei calcoli precisi e necessitano della “perfezione” per funzionare. Bisogna tuttavia ricordare che gli stessi elementi matematici, il numero due, il quadrato o il cerchio, non hanno un’esistenza tangibile: le materie studiate dall’uomo sono il prodotto del suo pensiero e prima di essere applicate sono inafferrabili ponderazioni mentali. È la stessa invenzione che rende tali materie a loro volta Arte.

Come in un processo circolare di bisogno reciproco, l’arte è funzionale e subordinata alla matematica e al calcolo, in quanto una vera espressione non esisterebbe senza una grammatica che ne regola il processo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *